Quante volte chiamiamo un agente immobiliare se dobbiamo vendere casa, specialmente in una delle sei grandi città italiane? Un’indagine di Tecnoborsa mostra che il ricorso a questa figura professionale è piuttosto ampio: nel 2021 circa il 60 per cento dei venditori di casa ha utilizzato i servizi di un professionista, il 2,5 per cento in più rispetto alle indagini precedenti. Ecco allora quanto è apprezzato il mestiere di agente immobiliare secondo la ricerca, che ha considerato il mercato di Milano, Torino, Genova, Roma, Napoli e Palermo

Social network, un canale efficace per gli agenti

Il canale informativo più efficace per gli agenti immobiliari è il social network e il web: al primo posto ci sono infatti i siti di offerte immobiliari e i social a coprire il 54,1% della quota di mercato; solo il 2,9% degli italiani intervistati da Tecnoborsa ha affermato di aver individuato l’immobile in seguito acquistato recandosi direttamente presso un’agenzia immobiliare.

Tuttavia, da un’analisi più approfondita si è rilevato che più del 65% del totale degli annunci diffusi sui diversi canali in realtà sono stati pubblicati proprio da agenzie immobiliari e, dunque, il più delle volte il ricorso alle agenzie stesse da parte di chi acquista è una scelta obbligata, in quanto nel 58,8% dei casi l’immobile acquistato era stato affidato a questa figura di intermediazione dal venditore.

Vendere casa con l’agente immobiliare

Più dei due terzi di coloro che hanno venduto casa sono ricorsi all’aiuto di un agente immobiliare e, rispetto al 2019, secondo Tecnoborsa, si è avuto un incremento di ben 5,3 punti percentuali. Guardando più da vicino i canali utilizzati per pubblicizzare il bene venduto da parte di chi non ha utilizzato l’agenzia immobiliare è emerso che, come in passato, quello più utilizzato è il passaparola, anche se la quota di chi ne ha fatto ricorso è scesa di ben 6 punti percentuali. Da un confronto tra domanda e offerta si è rilevato che il ricorso all’agenzia immobiliare è cresciuto in entrambi i casi ma, come sempre, più da parte di chi vende che di chi acquista.

Valutazione di immobili con l’agente immobiliare

Per quanto riguarda la valutazione degli immobili, più della metà delle persone che ne hanno acquistati nel biennio 2019-2020 l’ha effettuata: +4,1 punti percentuali rispetto alla indagine precedente. È anche diminuita la quota di chi non ha fatto ricorso all’aiuto di un professionista del settore decidendo di fare da solo con il supporto di programmi presenti su Internet o consultando fonti varie.

Dall’analisi dell’offerta è emerso che circa l’83% di chi ha venduto un bene ha scelto di farlo valutare prima di immetterlo sul mercato e, rispetto a quanto rilevato nel biennio precedente, c’è stato un lieve incremento di 1,1 punti. Di questi ben il 57,4% ha fatto fare una valutazione all’agenzia immobiliare cui ha conferito il mandato di vendita.

Infine, dal confronto tra domanda e offerta è emerso, come in tutte le indagini precedenti, che il ricorso alla valutazione è molto più alto tra chi vende; inoltre, chi vende ricorre principalmente all’agenzia immobiliare mentre chi acquista preferisce valutare il bene da solo piuttosto che ricorrere all’aiuto di un libero professionista.